Istat.it lunedì 21 agosto 2017, ore 13:56 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica vai al nuovo www.istat.it  freccia
Dati e prodotti
Home : Dati e prodotti : Catalogo : : 30 grafici : Scoraggiati in Italia e in Europa
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Scoraggiati in Italia e in Europa

economia italiana

sistema
delle imprese

mercato
del lavoro

difficoltà delle famiglie

Europa 2020
Periodo di riferimento: Anni 2006-2010
Pubblicato il: 27 maggio 2011
freccia sinistra sfoglia i grafici freccia destra

Scoraggiati in Italia e in Europa

Inattivi scoraggiati in Italia e nell'Unione europea. Incidenze percentuali sul totale
Fonte: Eurostat, Labour force survey

Nel 2010, tra i principali motivi che hanno determinato la mancata ricerca del lavoro emerge ancora una volta il ritenere di non riuscire a trovare un impiego. L’aumento delle persone scoraggiate ha innalzato la relativa incidenza fino a coinvolgere circa il 10 per cento del totale, con una punta di poco inferiore al 16 per cento nel Mezzogiorno. Si tratta complessivamente di 1,5 milioni di persone, in gran parte concentrate nelle regioni meridionali. Rispetto all’insieme dei paesi dell’Unione europea, l’Italia registra un’incidenza più che doppia degli inattivi scoraggiati. Più in particolare, la quota degli “scoraggiati” in Italia è quasi il doppio rispetto a quella della Spagna e nove volte superiore a quella della Francia. Alla relativa maggiore presenza dei fenomeni di scoraggiamento contribuiscono sia gli uomini sia le donne.



L'indicatore

Tra i motivi della mancata ricerca del lavoro, una parte consistente è rappresentata da quanti sono convinti di non potere trovare lavoro perché pensano di essere troppo giovani o troppo vecchi, di non avere professionalità richieste o più semplicemente perché ritengono non esistano occasioni di impiego nel mercato del lavoro locale. Alle minori opportunità d’impiego tende poi ad affiancarsi, soprattutto nelle regioni meridionali, una maggiore sfiducia nella possibilità di trovare o mantenere un’occupazione. L’insieme di questi fenomeni caratterizza gli inattivi scoraggiati.



Definizioni

Inattivi: comprendono le persone che non fanno parte delle forze di lavoro, ovvero quelle non classificate come occupate o in cerca di occupazione.
Scoraggiati: inattivi che, nel questionario dell’indagine sulle forze di lavoro, alla domanda “Qual è il motivo principale per cui non ha cercato un lavoro nelle 4 settimane dal .. al …? ” , rispondono: “Ritiene di non riuscire a trovare lavoro”

Grafico e dati (xls 399 kbyte)
 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731