Istat.it venerdì 20 ottobre 2017, ore 01:43 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica vai al nuovo www.istat.it  freccia
Dati e prodotti
Home : Dati e prodotti : Catalogo : : 30 grafici : Spesa in ricerca e sviluppo
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Spesa in ricerca e sviluppo

economia italiana

sistema
delle imprese

mercato
del lavoro

difficoltà delle famiglie

Europa 2020
Periodo di riferimento: Anni 2000 e 2008
Pubblicato il: 27 maggio 2011
freccia sinistra sfoglia i grafici freccia destra

Spesa in ricerca e sviluppo

Spesa in ricerca e sviluppo totale per regione - Anni 2000 e 2008 (in percentuale del Pil - asse di sinistra - e tasso di variazione medio annuo 2000-2008 - asse di destra)
Fonte: Istat, Rilevazione sulla R&S nelle imprese; Rilevazione sulla R&S nelle istituzioni pubbliche; Rilevazione sulla R&S nelle istituzioni private non-profit; Stima sulla R&S nelle università; Conti regionali 2000-2008

Gli obiettivi della Strategia Europa 2020 per la spesa in Ricerca e Sviluppo prevedono l’obiettivo al 3 per cento del Pil. L’Italia ha adottato, nel Programma nazionale di riforma, un obiettivo dell’1,53. L’attuale livello, 1,23 per cento nel 2008, colloca il nostro Paese in una posizione di media classifica nel ranking comunitario (media Ue pari a 1,92), ma la crescita dell’indicatore negli ultimi tre anni segnala una tendenza positiva di poco inferiore a quella della Germania e superiore a quella di Francia e Regno Unito. Anche relativamente alla composizione, non è lontano il traguardo dei due terzi della spesa in R&S a carico delle imprese, mentre il distacco dai partner europei è in progressiva riduzione, grazie a un tasso medio annuo di crescita (in termini nominali) del 7,9 per cento della spesa sostenuta dalle imprese italiane.



L'indicatore

A livello regionale, Piemonte e Lazio si collocano già al di sopra dell’obiettivo del Pnr per la spesa in R&S, mentre tutte le regioni del Mezzogiorno (con la positiva eccezione della Campania) sono sotto di oltre mezzo punto percentuale. La situazione del Mezzogiorno mostra la divergenza tra regioni che vedono anche decrescere nel tempo le risorse dedicate (in particolare Basilicata e Sardegna) e le positive tendenze all’incremento della Calabria (tasso di crescita medio annuo del 10 per cento tra il 2000 e il 2008) e, in misura più contenuta, della Campania e della Puglia.



Definizioni

Prodotto interno lordo Il risultato finale dell'attività di produzione delle unità produttrici residenti. Corrisponde alla produzione totale di beni e servizi dell'economia, diminuita dei consumi intermedi e aumentata dell'Iva gravante e delle imposte indirette sulle importazioni. È' altresì pari alla somma dei valori aggiunti a prezzi base delle varie branche di attività economica, aumentata delle imposte sui prodotti (compresa l'Iva e le imposte sulle importazioni), al netto dei contributi ai prodotti. (Sistema europeo dei conti, Sec95)

Spesa in ricerca e sviluppo La spesa per attività di ricerca scientifica e sviluppo sperimentale (R&S) svolta da istituzioni pubbliche, istituzioni private nonprofit, imprese e università, definita dal Manuale di Frascati dell’Ocse come quel complesso di lavori creativi intrapresi in modo sistematico sia per accrescere l’insieme delle conoscenze (inclusa la conoscenza dell’uomo, della cultura e della società), sia per utilizzare tali conoscenze in nuove applicazioni.

Grafico e dati (xls 2.491 kbyte)
 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731