Istat.it mercoledì 24 maggio 2017, ore 21:42 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica vai al nuovo www.istat.it  freccia
Dati e prodotti
Home : Dati e prodotti : Pubblicazioni scientifiche : Working Papers
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Istat Working Papers






Archivio  |  Informazioni per gli autori  |  Comitato di redazione


La nuova collana scientifica dell’Istat intende raccogliere contributi teorici o applicativi d’interesse per la statistica ufficiale; essa è dedicata alla condivisione di soluzioni di qualità messe a punto per la produzione statistica e la diffusione di risultati di ricerca ancora in itinere.

In particolare, trovano ospitalità negli Istat Working Papers, documenti che descrivono linee guida e pratiche raccomandate. Una particolare attenzione è offerta ai risultati significativi provenienti dalle attività di gruppi di lavoro e organismi operanti in sintonia con gli obiettivi istituzionali del Sistema statistico nazionale.

Le aree tematiche d’interesse riguardano gli ambiti tecnico-scientifici, giuridico-amministrativi e organizzativi.



TITOLO E AUTORE
ABSTRACT
Numero 1 La progettazione dei censimenti generali 2010-2011: la rilevazione di controllo della copertura e qualità del prototipo di registro statistico delle aziende agricole (Clag) e la riconciliazione con la Base integrata delle fonti amministrative (Bifa)

di Elisa Berntsen, Caterina Viviano
Numero 2 La progettazione dei censimenti generali 2010-2011: disegni campionari e stima di errori di campionamento

di Francesco Borrelli, Giancarlo Carbonetti, Luana De Felici, Epifania Fiorello, Manuela Marrone
Numero 3 Tecnologie e servizi per la condivisione dei dati

di Daniele Frongia, Vincenzo Patruno
Numero 4 Come costruire un conto satellite sui trasporti in Italia

di Monica Montella
Numero 5 Metodologia per l’attribuzione del codice Ateco 2007 - Registro Asia

di Simone Ambroselli
Numero 6 Rappresentazione sintetica di indicatori di qualità per i dati amministrativi

di Antonio Bernardi











Abstract



La progettazione dei censimenti generali 2010-2011: la rilevazione di controllo della copertura e qualità del prototipo di registro statistico delle aziende agricole (Clag) e la riconciliazione con la Base integrata delle fonti amministrative (Bifa)
di Elisa Berntsen, Caterina Viviano

In linea con la strategia della tornata censuaria 2010-2011, caratterizzata da un ampio utilizzo di archivi amministrativi, il 6° Censimento generale dell’agricoltura è realizzato a partire da una lista di aziende agricole prodotta mediante integrazione tra fonti amministrative e statistiche. La disponibilità della lista precensuaria ha permesso di individuare ex ante le microunità agricole da escludere dalla rilevazione e di assumere, pertanto, il solo campo di osservazione definito dal Regolamento europeo n. 1166/2008 (Universo Ue). Inoltre, grazie alla lista precensuaria, è stato possibile prestampate parzialmente il questionario censuario e dotare i rilevatori di elenchi di unità da rilevare. La lista finale di aziende agricole è stata rilasciata nei primi mesi del 2010 mentre una prima lista, definita lista prototipo o Base Integrata di Fonti Amministrative (Bifa), è stata prodotta nel 2008. Al fine di testare sul campo i risultati della metodologia di costruzione della lista prototipale e di valutare la qualità delle informazioni ivi contenute è stata effettuata in collaborazione con le Regioni e le Province autonome, tra novembre 2008 ed aprile 2009, la “Rilevazione di controllo della copertura e qualità del prototipo di registro statistico delle aziende agricole (Clag)”. Sulla base dei risultati della rilevazione è stata condotta un’analisi delle differenze che si sono riscontrate rispetto alle informazioni stimate dalle fonti amministrative, al fine di determinare le regole di eleggibilità da utilizzare per individuare le unità statistiche da includere nella lista delle aziende agricole da sottoporre a intervista al censimento del 2010. Questo volume illustra le suddette fasi del processo che ha portato alla realizzazione della lista delle unità da rilevare al Censimento dell’agricoltura del 2010.



[TOP]


La progettazione dei censimenti generali 2010-2011: disegni campionari e stima di errori di campionamento
di Francesco Borrelli, Giancarlo Carbonetti, Luana De Felici, Epifania Fiorello, Manuela Marrone


La Direzione centrale dei censimenti generali dell’Istat è stata fortemente impegnata nella progettazione dei censimenti del 2010 e 2011. Quest’attività ha rappresentato un’occasione unica per sperimentare nuove soluzioni sul versante metodologico, tecnologico e organizzativo; a riguardo, si è tenuto conto sia delle criticità e delle soluzioni che hanno caratterizzato gli ultimi censimenti, che delle esperienze internazionali che hanno destato maggiore interesse. Una delle innovazioni proposte per la realizzazione del 15° Censimento della Popolazione e delle Abitazioni riguarda l’adozione di una strategia campionaria basata sull’impiego di questionari in “forma ridotta” (short form) e in “forma completa” (long form) i cui contenuti sono in via di definizione. Il campionamento interesserà solo i comuni capoluogo di provincia e i comuni con almeno 20mila abitanti. In tali comuni la rilevazione sarà caratterizzata dall’osservazione di alcune variabili di natura strettamente socioeconomica solo su campioni di famiglie tramite long form, mentre le variabili contenute nello short form saranno rilevate in modo esaustivo. Nei comuni non coinvolti dalla strategia campionaria si procederà, invece, a rilevare l’informazione in modo completo tramite la somministrazione del questionario nella forma completa a tutte le famiglie residenti. Al fine di valutare la praticabilità di opportune strategie campionarie, in termini di disegno e di stimatore, per la produzione di stime affidabili su domini comunali e subcomunali, è stato messo in atto uno studio progettuale i cui risultati ottenuti sembrano supportare l’impiego delle tecniche di campionamento nel contesto censuario. Sono in corso ulteriori approfondimenti per migliorare la proposta metodologica e per valutare la qualità dell’informazione censuaria.



[TOP]




Tecnologie e servizi per la condivisione dei dati
di Daniele Frongia, Vincenzo Patruno


Uno dei fattori che ha contribuito maggiormente al successo di YouTube sta nella porzione di codice all'interno dei tag e che compare a fianco di ogni video. Copiare e incollare questa riga all'interno di una pagina web ha l'effetto di incorporare il filmato desiderato all'interno di qualunque sito o blog. Queste porzioni di codice così come altri tipi di tecnologie come i feed RSS e le API stanno offrendo delle importanti opportunità di condivisione sia per gli utenti che per aziende e istituzioni. Per queste ultime vedremo il modello di condivisione dei dati nell'ambito del Census Hub Project per la diffusione dei risultati del prossimo Censimento 2011. Valuteremo inoltre le esperienze di alcune organizzazioni internazionali come OCSE e Nazioni Unite, che confermano come l'utilizzo di nuovi servizi e tecnologie online possa costituire un'ottima opportunità per condividere dati e per raggiungere un pubblico più diffuso e partecipe.



[TOP]



Come costruire un conto satellite sui trasporti in Italia
di Monica Montella


Il lavoro presenta un primo quadro metodologico di riferimento per la costruzione di un conto satellite integrato sui trasporti, coerente con il sistema di Contabilità Nazionale, sulla base delle classificazioni degli standard internazionali delle imprese (NACE)2, delle funzioni dello Stato (COFOG) e delle famiglie (COICOP) e può rappresentare uno strumento di lavoro utile per tutti coloro che vogliono approfondire il settore dei trasporti da un punto di vista economico-contabile. La novità è che fino ad ora non è stato costruito alcun modello concettuale di riferimento, né sono state adottate definizioni ufficiali a livello internazionale per un conto satellite sui trasporti. Nell’elaborazione di un conto satellite ci sono tre obiettivi da perseguire: in primo luogo, è necessario analizzare l’organizzazione produttiva del settore considerato e il suo finanziamento; in secondo luogo, si misura l’ammontare finanziario totale che è utilizzato, da questo punto di vista l’approccio generale di un conto satellite risulta l’approccio funzionale generale dell’economia nazionale nel suo insieme; in terzo luogo, si cerca di migliorare e strutturare i dati sulla base dei risultati e dei benefici conseguiti nel settore specifico. Nella prima parte del documento si analizza la revisione prevista per il SEC953 per ciò che riguarda i conti satellite. Nella fase successiva si fornisce una definizione di attività principale, secondaria e ancillare per ciascuna tipologia di trasporto e di prodotti caratteristici, specifici e connessi nel settore dei trasporti per meglio identificare i settori economici che ne fanno parte. Inoltre si propone un quadro metodologico di riferimento necessario per costruire un conto satellite dei trasporti identificando le fonti di dati per ciascuna tipologia di trasporto e presentando alcuni risultati conseguiti sulla base dei dati al momento disponibili. Infine, in appendice, si analizzano le classificazioni utilizzate nel settore dei trasporti approfondendo in particolare le varie versioni della NACE (NACE CLIO, NACE REV. 1, NACE REV 1.1, NACE REV.2) adottate nel corso degli ultimi 30 anni, e le nuove versioni revisionate della CPA e della NST.



[TOP]



Metodologia per l’attribuzione del codice Ateco 2007 – Registro Asia
di Simone Ambroselli


L’implementazione della nuova versione della classificazione delle attività economiche (Ateco 2007 derivata dalla nomenclatura comunitaria Nace Rev. 2) nel Registro Asia (Archivio statistico delle imprese attive) ha rappresentato per l’Istat un compito affrontato con la predisposizione di un piano di azione con il duplice obiettivo di sviluppare una nuova metodologia per l’attribuzione del codice Ateco 2007 per tutte le unità del registro (approccio micro), garantendo contestualmente agli utilizzatori la disponibilità di dati in doppia codifica (vecchio e nuovo codice) per un certo numero di anni. I principali obiettivi del presente documento sono: illustrare la metodologia utilizzata per la stima del carattere “attività economica” in classificazione Ateco 2007, principalmente nel processo di realizzazione del Registro Asia 2008; analizzare nel dettaglio le fonti disponibili. Un ampio spazio è dedicato alla fonte Studi di Settore che costituisce l’elemento centrale del nuovo processo di stima.



[TOP]



Rappresentazione sintetica di indicatori di qualità per i dati amministrativi
di Antonio Bernardi


La ricerca presenta un’applicazione dell’Analisi delle Corrispondenze di tipo non parametrico con cui si rappresenta sinteticamente un insieme di indicatori qualità calcolati sulle variabili di un archivio amministrativo. La metodica è poi estesa alla rappresentazione di indicatori di qualità calcolati su un insieme di archivi amministrativi integrati.



[TOP]




















 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731