Istat.it sabato 25 marzo 2017, ore 06:43 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica vai al nuovo www.istat.it  freccia
Sala stampa
Home : Sala stampa : Comunicati : Comunicati in calendario : Stima preliminare del commercio estero extra Ue : Giugno 2011
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Stima preliminare del commercio estero extra Ue



argomenti


Periodo di riferimento: Giugno 2011
Diffuso il: 21 luglio 2011
Prossimo comunicato: 05 settembre 2011

A giugno 2011 le esportazioni rimangono stabili rispetto al mese precedente, mentre le importazioni diminuiscono del 2,2%. Nell’ultimo trimestre (aprile-giugno) la dinamica rispetto al trimestre precedente risulta positiva per le esportazioni (+1,6%) e negativa per le importazioni (-0,5%).

La crescita tendenziale si mantiene su tassi positivi pressoché simili per importazioni (+8,1%) ed esportazioni (+7,8%) e risulta in marcato rallentamento rispetto alla dinamica dei mesi precedenti.

A giugno il saldo commerciale con i paesi extra Ue è negativo e pari a -1,5 miliardi, in leggero aumento rispetto al deficit di giugno 2010 (-1,4 miliardi).

Il deficit del comparto energetico è più ampio rispetto ad un anno prima (rispettivamente -4,8 e -4,1 miliardi), ma l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici cresce da 2,7 miliardi di giugno 2010 a 3,2 miliardi di giugno 2011.

L’aumento tendenziale delle esportazioni coinvolge tutti i principali comparti, con tassi superiori alla media per i beni di consumo non durevoli (+10,7%), i beni strumentali (+8,5%) e i beni di consumo durevoli (+8,1%).

Nel mese di giugno le importazioni di energia (+13,9%) e di prodotti intermedi (+12,1%) presentano un incremento superiore alla media, seppur in rallentamento rispetto ai mesi precedenti. Una flessione delle importazioni si rileva per i beni di consumo durevoli (-21,5%) e quelli strumentali (-6,2%).

I mercati più dinamici all’export sono: India (+56,6%), paesi ASEAN (+37,2%), Giappone (+19,1%), paesi EDA (+18,5%) e Svizzera (+17,3%). L’andamento delle esportazioni è inferiore alla media verso i paesi OPEC (+1,8%) e ampiamente negativo verso gli Stati Uniti (-21%). Il saldo commerciale con quest’ultimo paese rimane tuttavia positivo (659 milioni).

La crescita delle importazioni è sostenuta dalla Russia (+66,9%), dall’India (+54,1%), dai paesi Mercosur (+22,6%), dai paesi ASEAN (+20,8%) e dalla Turchia (+13,1%). In forte diminuzione sono le importazioni dal Giappone (-24,2%) e dai paesi OPEC (-6,5%).




In conformità con i requisiti del programma SDDS del Fondo monetario internazionale, l’Istat diffonde un calendario annuale dei comunicati stampa tramite il sito Internet dell’Istituto e il sito SDDS.


download

frecciaTesto integrale
PDF (241 kbyte)

frecciaSerie storiche
ZIP (21 kbyte)

frecciaNota metodologica
PDF (79 kbyte)


per informazioni
Commercio estero e attività internazionali delle imprese
Mariagloria Narilli
tel. 06 4673.2555
Luisa Ciardelli
tel. 06 4673.2288

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
fax 06 4673.2240
cont@ct centre

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
fax 06 4673.3101-7
cont@ct centre
 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731