Istat.it venerdì 26 maggio 2017, ore 16:50 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica vai al nuovo www.istat.it  freccia
Sala stampa
Home : Sala stampa : Comunicati : Altre note per la stampa : Reati, vittime e percezione della sicurezza
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Reati, vittime e percezione della sicurezza



argomenti

Statistiche in breve
Periodo di riferimento: Anni 2008-2009
Diffuso il: 22 novembre 2010

L'indagine sulla sicurezza dei cittadini è stata condotta per la terza volta dall'Istat allo scopo di conoscere il fenomeno della criminalità attraverso il punto di vista della vittima.

Nel corso dei 12 mesi precedenti l'intervista, nel biennio 2008-2009 i cittadini rimasti vittime sono stati il 5,7 per cento del totale. Per quanto riguarda i reati contro la proprietà si è trattato in primo luogo di furti di oggetti personali (2,2 per cento), seguiti dai borseggi (1,6 per cento) e dagli scippi (0,5 per cento). Tra i reati violenti al primo posto si collocano le minacce (0,9 per cento), seguite dalle aggressioni (0,6 per cento) e dalle rapine (0,4 per cento).

Tra i reati subiti dalle famiglie si rilevano quelli che riguardano l'abitazione, i mezzi di trasporto o gli animali. Il 16,2 per cento delle famiglie sono state vittime di questi reati: i reati relativi ai veicoli (furti, tentati furti, atti vandalici ecc.) sono al primo posto (12,6 per cento), seguiti da quelli che riguardano l'abitazione (4,8 per cento). Si evidenzia in primo luogo il vandalismo sui veicoli (7,8 per cento), poi il furto di biciclette (3,8 per cento), di parti di auto o camion (2,9 per cento), il furto di motorino (2,8 per cento), delle sue parti (2,1 per cento), di oggetti nei veicoli (2,1 per cento), di moto (1,8 per cento) e di automobili (1,7 per cento).

Per quanto riguarda l'abitazione emerge con maggiore frequenza il furto in abitazione principale (1,1 per cento) e il furto di oggetti esterni all'abitazione (0,9 per cento), nonché gli atti di vandalismo contro l'abitazione (1,4 per cento), mentre più basso è il dato sulle abitazioni secondarie (sia in termini di furto che di ingresso abusivo). La persecuzione degli animali, maltrattati, feriti, o uccisi, ha riguardato il 2,6 per cento delle famiglie che li posseggono.

Nota. Il 23 novembre 2010 il Testo integrale in download è stato sostituito a causa di alcune revisioni al commento della Tavola 6 (pagina 9).



download

frecciaTesto integrale
PDF (264 kbyte)

frecciaAppendice statistica
PDF (282 kbyte)

frecciaNota metodologica
PDF (154 kbyte)

frecciaSintesi per la stampa
PDF (55 kbyte)


per informazioni
Criminalità, sicurezza e violenza contro le donne
Viale Liegi, 13 – Roma
Maria Giuseppina Muratore
Tel. + 39 06 4673.7250

Sportello per i giornalisti
tel. 06 4673.2243-4
fax 06 4673.2240
cont@ct centre

Centro diffusione dati
tel. 06 4673.3102-3-5-6
fax 06 4673.3101-7
cont@ct centre
 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731