Istat.it martedì 25 aprile 2017, ore 06:48 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica vai al nuovo www.istat.it  freccia
Strumenti
Home : Strumenti : : Indagini: questionari e informazioni : : Disabilità
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Integrazione sociale delle persone con disabilità






Che cosa è

L'indagine sull'integrazione sociale delle persone con disabilità in Italia è stata realizzata nell’ambito del progetto “Sistema di Informazione Statistica sulla Disabilità”, nato da una convenzione tra l’Istat e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e volto alla realizzazione di un sistema integrato di informazioni per il monitoraggio del fenomeno della disabilità in Italia.
Il progetto nel suo complesso è finalizzato a fornire, mediante l’analisi dei bisogni, delle condizioni sociali e di salute della popolazione con disabilità, un supporto per le politiche e per la programmazione delle attività di assistenza, sostegno ed integrazione, nonché per il monitoraggio dello stato di attuazione della normativa sul territorio con particolare attenzione ai più recenti interventi legislativi.
In particolare, l’obiettivo principale dell’indagine è l’analisi del livello di integrazione sociale delle persone con disabilità ed analizzare i fattori che ne ostacolano la piena partecipazione (limitazioni nella mobilità, difficoltà di accesso a percorsi formativi o lavorativi, mancanza di adeguati sostegni per i bisogni assistenziali,ecc.).
L’accento posto sull’integrazione sociale è in linea con gli obiettivi di intervento individuati con la Legge quadro sull’handicap 104/92 e con la prospettiva di studio che si apre con la nuova Classificazione internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (Icf) approvata dall’Oms nel 2001. La principale innovazione apportata dal nuovo strumento è infatti l’estensione del concetto di disabilità.
La disabilità non è più definita solo come difficoltà od incapacità di svolgere determinate attività in conseguenza di una menomazione (secondo il modello concettuale proposto dalla International Classification of Impairments, Disability and Handicap - Icidh), ma concorrono a determinare una condizione di disabilità le restrizioni nella partecipazione alla vita collettiva e l’influenza dei fattori contestuali (servizi, barriere architettoniche, agevolazioni nell’accesso al lavoro, ecc.).



Chi la conduce

Il Servizio Struttura e dinamica sociale dell'Istat e il Servizio Sanità e Assistenza in collaborazione con una società incaricata di effettuare le interviste telefoniche.



Chi viene intervistato

Gli individui del campione estratto



Chi risponde

Nel caso in cui l’individuo da intervistare sia assente, non può rispondere un altro componente della famiglia, ma, in alternativa, può essere fissato un appuntamento telefonico entro l’arco di tempo previsto per la rilevazione; possono altresì essere fissati appuntamenti telefonici per continuare o completare l’intervista in caso di interruzione. L'intervista poteva essere rilasciata da un altro componente della famiglia in caso di minori o di impossibilità a rilasciare l'intervista per motivi di salute.



Come vengono scelti gli individui

Si tratta degli individui di età inferiore ai 67 anni nel 2004 che, al momento dell’indagine “Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari 1999-2000”, hanno riferito di avere molta difficoltà o di non essere in grado, anche con l’aiuto di ausili ed apparecchi sanitari, di svolgere almeno una delle funzioni della mobilità e della locomozione, delle funzioni della vita quotidiana, vale a dire delle attività di cura della persona, nelle funzioni della comunicazione (vedere, sentire, parlare); di essere affetti da almeno una invalidità tra quelle indicate (cecità, sordomutismo, sordità, invalidità da insufficienza mentale, invalidità motoria); di essere affetti da una malattia cronica o da un’invalidità permanente che riduce l’autonomia personale fino ad avere bisogno di un aiuto saltuario o continuativo per le esigenze della vita quotidiana in casa o fuori casa.



Numerosità campionaria

Un sottoinsieme di 1632 individui tra 4 e 64 anni appartenenti al campione dell’indagine "Condizioni di salute e il ricorso ai servizi sanitari 1999-2000" e che rappresenta una popolazione di 1.640.862 individui.



Lettera alla famiglia

Agli individui da intervistare sono state inviate, prima dell’inizio della rilevazione, due lettere a firma dal Presidente dell’Istat di presentazione dell’indagine. Nelle lettere è stato anche indicato il periodo e gli orari in cui la sua famiglia avrebbe ricevuto la telefonata da un incaricato dell’Istat.



Il numero verde

Nella lettera firmata dal Presidente dell'Istat è indicato un numero verde (gratuito) 800-637760, da chiamare per avere o per fornire qualsiasi tipo di informazione relativa all'indagine: per esempio, per comprendere il motivo per cui è stato estratto il proprio nominativo, per segnalare all'Istat informazioni circa la reperibilità della famiglia, eccetera. Il numero verde è stato attivo dal lunedi al venerdi dalle 8,30 alle 13,30.



Periodo di rilevazione

L'ultima indagine è stata realizzata nel periodo gennaio-marzo 2004.



Chi effettua l’intervista

Le informazioni sono raccolte tramite intervista telefonica da rilevatori incaricati dall'Istat.



Modalità di diffusione dei dati

Alcuni dei risultati dell'indagine sono disponibili su questo sito nei settori Famiglia e società/Comportamenti e stili di vita e Salute e welfare/Salute e sanità (v. Statistica in breve, 4 luglio 2005: "L’integrazione sociale delle persone con disabilità”)



Segreto statistico

L’Istat è tenuto per legge a rispettare il segreto statistico (D. Lgs.322/89). I dati raccolti in occasione di indagini possono essere utilizzati esclusivamente a fini statistici e non possono essere comunicati ad altre istituzioni o persone, se non elaborati e pubblicati sotto forma di tabelle e in modo tale che non sia possibile alcun riferimento individuale. Ai sensi della stessa normativa (art.7, comma 2) la persona intervistata potrà decidere se rispondere o meno ad alcuni quesiti di natura “sensibile” contenuti nelle varie sezioni del questionario. Ai sensi della legge che disciplina la tutela della privacy (D.Lgs.196/2003), titolare delle rilevazioni è I'Istat.



Chi usufruisce dei dati

Istituzioni, Enti di ricerca Nazionali e Internazionali, l'ufficio di statistica delle Comunità europee (Eurostat), Università, studenti e tutti i cittadini che ne sono interessati



Titolarità dei dati

Titolare del trattamento dei dati personali raccolti con la presente indagine è l’Istat - Istituto nazionale di statistica, Via Cesare Balbo, 16 - 00184 Roma; responsabile del trattamento è il Direttore centrale per le indagini su condizioni e qualità della vita, al quale potrà rivolgersi anche per quanto riguarda l'esercizio dei Suoi diritti.

 


download

Lettera alle famiglie


Questionario




per informazioni
numero verde gratuito
800-637760
attivo nel periodo della rilevazione

Servizio Condizioni economiche delle famiglie
Unità operativa - Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari
– SDS/F -
Tel. +39.0646734758
e-mail: Gabriella Sebastiani

 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731