Istat.it sabato 22 luglio 2017, ore 16:38 
  Home   separatore grafico   L'Istituto   separatore grafico   Sala stampa   separatore grafico   Dati e prodotti   separatore grafico   Servizi   separatore grafico   Strumenti   separatore grafico   Censimenti   decorazione grafica
decorazione grafica vai al nuovo www.istat.it  freccia
Strumenti
Home : Strumenti : : Indagini: questionari e informazioni : Presidi residenziali socio-assistenziali
Stampa il testo Ingrandisci il testo

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali






Caratteristiche generali dell'indagine

L’indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali, prevista dal Programma statistico nazionale in vigore (IST 00243), a partire dal 2010 amplia i contenuti informativi, adeguandoli alle esigenze conoscitive legate al processo di integrazione socio-sanitaria, cioè a quel complesso di attività di assistenza rivolte alla persona, che sono finalizzate al soddisfacimento sia di bisogni di natura sociale (legati al disagio e all’emarginazione) sia di bisogni sociali con rilevanza sanitaria (legati all’invecchiamento della popolazione e alla disabilità).
La rilevazione è stata riprogettata con la collaborazione degli esperti del Ministero della salute, del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e del Cisis - Gruppo di Lavoro Politiche Sociali.
L’indagine rileva l’offerta di strutture residenziali socio-assistenziali e socio-sanitarie e le tipologie di utenti in esse assistite nel corso del 2009. La nuova rilevazione estende il campo di osservazione e aumenta il dettaglio delle informazioni raccolte, permettendo di documentare in maniera più puntuale sia l’utenza sia le risorse impegnate per questa forma di assistenza territoriale.
In particolare la nuova indagine, che mantiene la sua cadenza annuale, rileva tutte le strutture che rientrano nella definizione di presidio residenziale socio-assistenziale e socio sanitario. In tali strutture trovano alloggio persone che si trovano in stato di bisogno per motivi diversi: anziani soli o con problemi di salute, disabili, minori sprovvisti di tutela, giovani donne in difficoltà, stranieri o cittadini italiani con problemi economici e in condizioni di disagio sociale. Altro elemento innovativo introdotto dal 2010 è rappresentato dalla tecnica di acquisizione dei dati che per la prima volta può essere fatta anche via web.
La nuova indagine si inserisce nella più ampia prospettiva di riordino e integrazione delle statistiche sull'assistenza sociale di tipo assistenziale e sanitaria in Italia, nell'ambito del Sistema Statistico Nazionale.


Chi la conduce

L'indagine è condotta dal Servizio sanità e assistenza della Direzione centrale per le statistiche e le indagini sulle istituzioni sociali dell'Istat.


Universo di riferimento

L'universo di riferimento è costituito dall'insieme dei presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitario. Si definisce Presidio residenziale la struttura pubblica o privata che eroga servizi residenziali (ospitalità assistita con pernottamento) di tipo socio-assistenziale e/o socio-sanitario a persone in stato di bisogno. Il singolo presidio è individuato univocamente dalla coppia denominazione della struttura – indirizzo della stessa.

Sono escluse dalla rilevazione le strutture residenziali che svolgono attività dedicate esclusivamente alla tossicodipendenza.


Aspetti organizzativi

L’Istat ha concordato con le Regioni la seguente organizzazione della rilevazione:

  1. Le Regioni: Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Marche, Lazio e la Provincia autonoma di Bolzano raccolgono le informazioni richieste per tutti i Presidi di loro pertinenza tramite gli Uffici di statistica, garantendo la completezza e la qualità dei dati raccolti. Successivamente, tali Regioni provvedono a depositare i dati su un’area web protetta (https://indata.istat.it/presa) seguendo le indicazioni in essa disponibili.
  2. Le Regioni: Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Campania, Basilicata, la Provincia autonoma di Trento e l'Ufficio regionale Istat dell'Umbria coordinano, attraverso gli Uffici di statistica, la rilevazione per i Presidi di loro competenza, garantendo la completezza e la qualità dei dati raccolti. Per la rilevazione dei dati le Regioni possono procedere in due modi: via web (preferibilmente) oppure con questionario cartaceo.
    • Rilevazione via web
      l’Ufficio di statistica della Regione, a partire dal 1° settembre 2010, invita i singoli presidi a compilare il questionario elettronico collegandosi all’indirizzo web https://indata.istat.it/presa, fornendo loro le Userid e le Password. Il sito web predisposto è protetto con protocollo SSL e garantisce l’autenticazione e la protezione dei dati trasmessi. Gli Uffici di statistica della Regione forniscono il supporto per la compilazione del questionario via web.
    • Rilevazione tramite questionario cartaceo
      l’Ufficio di statistica della Regione invia i questionari e, successivamente, raccoglie i questionari compilati su cartaceo; controlla la coerenza delle informazioni inserite nei questionari cartacei; provvede alla registrazione dei dati contenuti nei questionari inviati su cartaceo, seguendo le indicazioni reperibili all’indirizzo http://www.istat.it/servizi/rispondenti.html, sollecita i non rispondenti; trasmette all’Istat i dati registrati, depositandoli sull’area web protetta https://indata.istat.it/presa, inserendo la Userid e la Password ricevuta dall’Istat e seguendo le indicazioni in essa riportate.
  3. Nelle restanti Regioni l’Istat procede alla rilevazione diretta sui Presidi, invitandoli a compilare e rispedire il questionario cartaceo ricevuto, oppure a compilare il questionario elettronico, collegandosi sul web all’indirizzo: https://indata.istat.it/presa utilizzando Userid e la Password ricevuta dall’Istat e seguendo le indicazioni in essa riportate.

Il numero verde

Nella lettera di presentazione dell'indagine firmata dal Presidente dell'Istat, nel questionario e nella guida alla compilazione del questionario, viene indicato un numero verde (gratuito) 800085503 al quale ci si può rivolgere per avere o per fornire qualsiasi tipo di informazione relativa all'indagine: per esempio, per contenuti del questionario, aggiornamento delle liste relative all'universo di riferimento, ecc. Il numero verde è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.


Il questionario della rilevazione

Le informazioni sono raccolte tramite un questionario articolato in 7 sezioni: la prima riguarda il numero dei moduli attivi (il modulo è l'unità di servizio di un Presidio, identificata da una tipologia di assistenza per un determinato target di utenza), i dati anagrafici del presidio, del titolare e del gestore. La seconda e la terza sezione raccolgono le informazioni per singolo modulo, con esse si rilevano i dati sulla tipologia di assistenza erogata, i posti letto e gli ospiti assistiti (adulti, anziani e minori) per sesso ed età. La quarta sezione, rileva, per singolo modulo, dati ulteriori sui minori ospiti dei presidi: destinazione dopo la dimissione, la condizione di adattabilità, la provenienza e la durata della permanenza nella residenza. La quinta e la sesta sezione raccolgono informazioni che si riferiscono al presidio, in particolare rilevano il flusso degli ospiti e i dati economici. Infine, la settima sezione rileva i dati sul personale per qualifica professionale e percentuale di impiego nei singoli moduli.


Modalità di diffusione dei dati

I risultati dell'indagine sono disponibili su questo sito web nella parte dati e prodotti, fra le tavole di dati.


Protezione dei dati personali e segreto statistico

- Decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, e successive modificazioni ed integrazioni, “Norme sul Sistema statistico nazionale e sulla riorganizzazione dell'Istituto nazionale di statistica” – art. 6-bis (trattamenti di dati personali), art. 7 (obbligo di fornire dati statistici), art. 8 (segreto d’ufficio degli addetti agli uffici di statistica), art. 9 (disposizioni per la tutela del segreto statistico), art. 13 (Programma statistico nazionale);

- Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali” – art. 2 (finalità), art. 4 (definizioni), artt. 7-10 (diritti dell’interessato), art. 13 (informativa), artt. 28-30 (soggetti che effettuano il trattamento), artt. 104-110 (trattamento per scopi statistici o scientifici);

- “Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali a scopi statistici e di ricerca scientifica effettuati nell’ambito del Sistema statistico nazionale” (all. A.3 del Codice in materia di protezione dei dati personali – d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196);

- Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 agosto 2009 – “Approvazione del Programma statistico nazionale triennio 2008-2010. Aggiornamento 2009-2010” (Supplemento ordinario n. 186 alla Gazzetta ufficiale 13 ottobre 2009 - serie generale - n. 238);

- Decreto del Presidente della Repubblica 15 ottobre 2009 - Elenco delle rilevazioni statistiche rientranti nel programma statistico nazionale 2008-2010 - Aggiornamento 2009-2010, che comportano obbligo di risposta da parte dei soggetti privati, a norma dell'art. 7 del decreto legislativo 6 settembre 1989 n. 322 (Gazzetta ufficiale 14 dicembre 2009 - serie generale - n. 290).


Titolarità dei dati

Titolare del trattamento dei dati personali raccolti con la presente indagine è l'Istituto nazionale di statistica, Via Cesare Balbo, 16 – 00184 Roma; responsabile del trattamento è Il Direttore centrale per le statistiche e le indagini sulle istituzioni sociali.



download


per informazioni
numero verde gratuito
800-085503
attivo nel periodo della rilevazione

Servizio
Sanità e assistenza

Raffaella Amato
tel. 06 8522.7238
fax 06 8522.7601
email raamato@istat.it
 

webinfo
disclaimer - copyright - privacy

Istat - Istituto nazionale di statistica
Via Cesare Balbo 16 00184 - Roma tel. +39 06 46731